Hic iacet corpus

caporossi_pirri.png

Riccardo Caporossi | Alfredo Pirri
Installazioni, opere, performances

al Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, Roma
dal 15 maggio al 15 giugno 2011

Inaugurazione sabato 14 maggio alle ore 19.00
in occasione della Notte dei Musei 2011

invito al vernissage
calendario degli eventi
comunicato stampa

Cappelli, scarponi, sedie e seggioloni, una voce che narra, pellicole cinematografiche oscurate e manipolate a formare come un grande megafono o una tromba di un vecchio giradischi che amplifica onde invisibili…
Le opere e le installazioni in mostra mettono in luce l’evidenza di una mancanza facendone “racconto”. Tema già molto caro a Giorgio De Chirico, (artista che connota con la sua imponente presenza la collezione permanente del Museo) dove il corpo diviene manichino, il paesaggio immagine piatta e il tempo evocato attraverso ombre

“Hic Iacet Corpus” – dal titolo completo del progetto “Riccardo Caporossi | Alfredo Pirri. Hic Iacet Corpus. Installazioni, opere, performances” a cura di Riccardo Caporossi e Alfredo Pirri per il Museo Carlo Bilotti-Aranciera di Villa Borghese a Roma dal 15 maggio al 15 giugno 2011 – evoca scomparsa, sottrazione, assenza e nel contempo indica un luogo che è come una casa da cui il corpo è già andato via. Restano quindi solo le tracce, le impronte, i frammenti che ha lasciato. E sono queste tracce che comunicano la sua presenza, la storia, il pensiero, i conflitti, le ragioni del suo giacere e la necessità di una sua ricollocazione in uno spazio universo cui appartiene.

Se ogni luogo è uno spazio da abitare, che attende di essere occupato dal corpo, anche l’esperienza dello spettatore, il suo camminare, il muoversi attorno agli oggetti, il suo punto di vista, il suo raccogliere stimoli e avviarli a vivaci connessioni, il suo osservare i dettagli, sedersi e ascoltare… tutto è parte integrante dell’opera.

Riccardo Caporossi e Alfredo Pirri – due protagonisti dell’arte italiana, l’uno attivo sul fronte della perfomance teatrale, l’altro delle installazioni ambientali – in questa occasione ricoprono il doppio ruolo di artisti e curatori e affrontano questa ricerca di senso e di luogo non rappresentando il corpo ma nominandolo attraverso il loro linguaggio artistico.

«Questa mostra – spiega Alfredo Pirri – per me è un canto armonico che si espande e contrae come fa il respiro. Espandendosi si apre allo spazio intorno e lontano, contraendosi si racchiude nell’opera definendone i confini».

«Gli oggetti – chiarisce Riccardo Caporossi – sono stati costruiti per la scena: protagonisti ma al servizio dell’azione, del testo, dell’attore. Non sono stati descrizione scenografica; loro stessi sono testo, drammaturgia, spazio scenico. Ora la loro funzione è quella di ristabilire il silenzio, senza la presenza del corpo. Un corpo che giace lì, accanto a loro, perché esiste in quanto assente. Oggetti come attori di una scena muta e immobile, sospesa tra la nullità del corpo e la sua emblematica evocazione».

L’inaugurazione di “Riccardo Caporossi | Alfredo Pirri. Hic Iacet Corpus. Installazioni, opere, performances”, sabato 14 maggio alle ore 19.00, coincide con la Notte dei Musei 2011. Per l’occasione il Museo resterà aperto gratuitamente fino alle ore 2.00 e ospiterà spettacoli ad hoc.

Per tutta la durata della mostra saranno molte le giornate dedicate a performances, spettacoli di teatro, laboratori, incontri didattici per le scuole, conferenze, proiezioni e showcase, spesso con il diretto coinvolgimento di Caporossi e Pirri (in allegato il calendario). Per prenotazioni e informazioni sugli eventi rivolgersi a Federica Arlotti (327 0455711; showcase.caporossi@gmail.com, dalle ore 15 alle ore 20).

“Riccardo Caporossi | Alfredo Pirri. Hic Iacet Corpus. Installazioni, opere, performances”, progetto a cura di Riccardo Caporossi e Alfredo Pirri, dal 15 maggio al 15 giugno 2011 al Museo Carlo Bilotti, è promosso da Roma Capitale Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali, con il contributo di Arci Roma e organizzato in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

Riccardo Caporossi è nato a Colleferro (Roma) nel 1948. È laureato in architettura alla Sapienza di Roma. Da circa quaranta anni svolge attività teatrale insieme a Claudio Remondi (gruppo Club Teatro) e per ogni rappresentazione produce un corredo di progetti e disegni che costituiscono un autonomo corpo artistico.

Alfredo Pirri è nato a Cosenza nel 1957. Vive e lavora a Roma. Numerosissime sono le sue partecipazioni a rassegne nazionali ed internazionali sia con mostre collettive che personali.

Questa voce è stata pubblicata in avvenimenti. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>